Gianluca Pirisi
Biografia

Gianluca Pirisi Inizia lo studio del violoncello nel 2001 e nel 2007, a 17 anni, si diploma con il massimo dei voti e la lode  sotto la guida di Francesco Pepicelli (violoncellista del Trio Metamorphosi). Nel 2010 consegue il diploma con il massimo dei voti nella classe di musica da camera dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma sotto la guida del M°Rocco Filippini e nel 2017 si diploma in violoncello nella classe del M° Giovanni Sollima, con il massimo dei voti e la lode. Ha eseguito come solista con orchestra i due concerti di J. Haydn, svariati concerti di A.Vivaldi e Boccherini e nel 2010 ha eseguito il Doppio concerto di J. Brahms con la violinista Azusa Onishi. Viene regolarmente invitato dal 2011 al prestigioso Festival di Kusatsu in Giappone in veste di primo violoncello dell’Orchestra del Festival di Kusatsu e dell’ Orchestra da Camera di Perugia di cui è Primo violoncello solista dal 2013 Durante il suo primo anno di studi all’Accademia di Santa Cecilia, viene invitato dal M°Sonig Tchakerian a suonare presso il Festival ‘Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza’ al fianco di Mario Brunello, Luca Ranieri, Enrico Carraro e la stessa Sonig Tchakerian. Nel 2016 a Perugia ha debuttato da solista con il suo Maestro Giovanni Sollima per gli Amici della Musica di Perugia, con l’Orchestra da Camera di Perugia ,in un programma tutto per due violoncelli e orchestra replicando a  Terni per la Filarmonica Umbra; lo stesso concerto é stato replicato a Prato avvalendosi della  collaborazione dell’orchestra “Camerata Strumentale di Prato”. Nello stesso anno debutta da solista con l’Orchestra da Camera di Perugia e Nil Venditti alla bacchetta, suonando ‘Kaddish’ di Maurice Ravel, in diretta Radio 3 Europa, per la trasmissione ‘Noi e la Francia’. Nel 2017 anno vince inoltre l’audizione indetta dall’Accademia di Santa Cecilia, per poter suonare da solista in duo con Giovanni Sollima al concerto di Natale in diretta Rai 1 dal Senato della Repubblica Italiana, eseguendo il  celebre “Violoncelles Vibrez” di Sollima, con l’Orchestra Sinfonica dei Conservatori Italiani e Alessandro Cadario alla bacchetta. Per il suo recital solistico al Festival ‘Alfredo Piatti’ d Bergamo la critica si è così espressa: (…) Se Giovanni Sollima ha brillato la scorsa settimana,Pirisi è stato in grado di sostenere in modo ammirevole, soprattutto grazie alla raffinatezza del fraseggio, l’onore e l’onere di chiudere una delle poche rassegne violoncellistiche in Italia(…) (…). Durante l’esecuzione si sono miscelati ‘stupore, ammirazione, smarrimento, per fino sgomento’ per come sia possibile concentrare in un solo strumento ‘tale qualità e varietà di tecnica e di invenzione, di gioco e di spirito, di razionalità e poesia(…) Il 2018 lo ha visto impegnato in una serie di  8 concerti da solista con la Staatsoper di Hannover e l’Hannover Opera Ballet, per lo spettacolo ‘Moving Lights’ di Jeorg Mannes, in sostituzione del M° Giovanni Sollima. Lo spettacolo è stato acclamato dalla critica ed in particolare sul violoncellista ternano è stato detto: ‘(…)-una sfida particolare per musicisti e ballerini in termini di tempo e dimensione. Ma entrambe le parti sono ben coordinate. Ciò è particolarmente evidente nel violoncello solista ‘Tree Raga Song’, che enfatizza le pause. Jorge Mannes ha configurato questo suo lavoro come un nuovo elemento. Pirisi, in particolare, riesce a portare alla luce la natura selvaggia del violoncello e talvolta mescola suoni schiumosi, a volte delicati, a volte forti, a volte fluenti.’ (…) Viene invitato dal M° Mario Ancillotti a prendere parte ad una tournée in Sicilia, in uno spettacolo dedicato alle musiche di Claude Debussy, insieme a Matteo Fossi, Yuval Gotlibovich, Ekaterina Valiulina, e l’attrice Maddalena Crippa alla voce recitante. È violoncellista e fondatore del ‘Nuovo Quartetto di Perugia’, che ha debuttato  in concerto al Quirinale per i Concerti della Cappella Paolina, eseguendo ‘Ad L.P 1928′ di Ennio Morricone, in presenza del compositore. La sua attività spazia intensamente attraverso i generi, in particolare nell’ambito del jazz, (collaborando come Primo Violoncello dell’ ‘Umbria Jazz Orchestra’ e dell’Orchestra da Camera di Perugia con artisti di calibro internazionale come Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura, Michele Rabbia,Quincy Jones,Wayne Shorter, Danilo Perez, Brian Blade ,Gil Goldstein, Patty Austin) che nella musica di Astor Piazzolla, come violoncellista e fondatore del Quintetto Lunfardo, ensemble poliedrico che dona particolare attenzione alle opere del maestro argentino meno conosciute dal grande pubblico.

Condividi studente
Corsi e Masterclass
I nostri concerti
Seguici su