I due volti di Schumann
Interpreti
TRIO JOHANNES
Francesco Manara - violino
Massimo Polidori - violoncello
Claudio Voghera - pianoforte
.
Fabrizio Meloni - clarinetto
Simonide Braconi - viola
Programma
Integrale cameristica di Robert Schumann

Fantasiestücke op. 73 

Märchenbilder op. 113 

Märchenerzählungen op. 132 

Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47

 

 

Inaugura martedì 9 ottobre la Stagione concertistica dell’Accademia di Musica di Pinerolo, con un programma che offre la possibilità di scoprire i due volti di Schumann camerista, eseguito da interpreti d’eccezione come il Trio Johannes, Fabrizio Meloni e Simonide Braconi. Il Trio Johannes è nato dall’incontro di Massimo Polidori, Primo violoncello nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con il duo composto da Francesco Manara, scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo violino solista nell’Orchestra scaligera, e Claudio Voghera, docente di pianoforte principale al Conservatorio di Torino. Si affiancano al Trio Johannes Fabrizio Meloni e Simonide Braconi, Primo clarinetto e Prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala.

 

 

La Stagione concertistica è stata realizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Regione Piemonte, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo e il patrocinio di Città di Pinerolo. Il nostro grazie va anche alla sempre preziosa sponsorizzazione di Galup, a quella tecnica di Piatino Pianoforti, Yamaha Musica Italia e Albergian, e alla media partnership con L’Eco del Chisone.

 

TRIO JOHANNES
Il Trio Johannes è nato nel 1993 dall’incontro del violoncellista Massimo Polidori con il duo composto da Francesco Manara e Claudio Voghera, già da alcuni anni impegnato nell’approfondimento del repertorio cameristico ed ospite delle principali istituzioni concertistiche.
I tre musicisti vantano individualmente importanti affermazioni: Francesco Manara è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il posto di Primo violino solista nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nel 1993 ha vinto il Primo Premio al Concorso Internazionale di Ginevra; Massimo Polidori dopo aver vinto il Primo Premio di Virtuosité del Conservatorio di Ginevra ricopre il posto di Primo violoncello nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano; Claudio Voghera, docente di pianoforte principale presso il Conservatorio di Torino, già allievo di Aldo Ciccolini, nel 1993 ha vinto il “Grand Prix de Sonates Violon et Piano” dell’Accademia di Losanna.
Il Trio Johannes, grazie ad una borsa di studio della “De Sono Associazione per la Musica”, ha studiato presso la Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, con i Maestri De Rosa, Zanettovich e Baldovino, conseguendo nel 1995 il Diploma di Merito. Da allora è stato ospite di importanti società concertistiche quali, tra le altre, gli Amici della Musica di Padova, Vicenza, Firenze e Perugia, il Bologna Festival, la Gog di Genova, l’Unione Musicale di Torino e la Radio della Suisse Romande a Ginevra; nel maggio 2000 ha effettuato una tournée in Sud America organizzata dal Cidim suonando nelle principali sale da concerto di Argentina, Uruguay e Brasile. Grazie ad un progetto sostenuto dagli Amici della Musica di Vicenza, ha inciso il suo primo CD con musiche di Beethoven e Brahms per l’etichetta “Sicut Sol”. Il trio vanta importanti affermazioni a livello internazionale: nel 1998 il II Premio al “III Concorso Internazionale Premio Trio di Trieste”, nel 1999 il II Premio al “3rd International Chamber Music Competition” di Osaka; nel 2001 è risultato inoltre vincitore del “50th Concert Artists Guild Competition” di New York e debutterà negli Stati Uniti nella stagione 2002, suonando per le principali società concertistiche tra le quali la Weill Recital Hall della Carnegie Hall a New York, la Pittsburgh Chamber Music Society and la Market Square Concerts di Harrisburg.

 

 

SIMONIDE BRACONI
Nato a Roma, si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di “S.Cecilia” di Roma e successivamente alla music hochschule di Freiburg in Germania (con menzione d’onore), studiando rispettivamente con i maestri S.Esposito e K. Kashkashian.
Si è perfezionato con B. Giuranna (Acc. “W. Stauffer” di Cremona) e J. Bashmet (Acc. Chigiana di Siena, diploma di merito nel 1991 e nel 1992). E’stato premiato a diversi concorsi internazionali (tra cui Colonia e il “Lionel Tertis” competition in Inghilterra). Prima viola dell’Orchestre des jeunes de la Mediterranèe, membro dell’orchestra della Comunità europea, ha collaborato in qualità di Prima viola con l’orchestra dell’Accademia di S. Cecilia a Roma e nel 1994, a soli 22 anni, è stato prescelto dal M. Riccardo Muti a ricoprire lo stesso ruolo nell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano. E’, inoltre, membro dell’orchestra del Festival di Lucerna ed è stato invitato a suonare con l’orchestra dei Berliner Philarmoniker.
Come solista e in musica da camera ha inciso per le etichette discografiche Vigiesse, Thymallus, Rhona, Stradivarius, Agorà, Tudor, DAD, Velut Luna, Dynamic e Decca oltre a diverse registrazioni per Radio 3, RAI Radiotelevisione italiana ,Rete 4, Sky Classica e per le riviste CD Classica, Suonare news, la Provincia di Cremona, Amadeus (sonate e lieder di Brahms) e Brilliant (concerti per viola ed orchestra di A. Rolla, premiato con 5 stelle dalla rivista Musica). In musica da camera ha collaborato con artisti quali S. Accardo, M. Quarta, J. Rachlin, T.Brandis, M.Rizzi, D. Sitzkovesky, U. Ughi, I. Faust, P. Vernikov, D. Nordio, B.Canino, J.Swann, I. Golan, B. Petruchanski, A. Lucchesini, G. Andaloro, P. Restani, R. Filippini, E. Dindo, N. Gutman, F. Petracchi, trio di Parma, Henschel Quartett, E. Pahud, Sonia Ganassi, Jose Carreras e da solista con direttori tra i quali W. Sawallisch e R.Muti.
Autorevoli critiche dicono di lui: ” ..suono superbamente compatto” (the Strad), ” ..ha colpito per il suo sicuro virtuosismo e il calore del suo strumento” (Badener Tagblatt), ” ..intonazione strepitosa, sostegno di un canto vellutato e grave..” (Corriere della sera ),” .. mostra di possedere risorse strumentali di prim’ordine sfoggiando un suono vellutato ed omogeneo ed un’eccellente tecnica” (CD classica), “..insomma quando la bellezza è in primo piano senza protagonismi ” (L’eco di Bergamo),”..solista di gran talento, raffinatissimo nelle sue scelte espressive…la viola solista si è distinta per la sua cantabilità ineffabile e per la morbidezza del colpo d’arco, nonchè per virtuosismo strumentale e delicatezza del suono” (Messaggero Veneto, 24 Febbraio 2003). Insieme alle altre prime parti dell’Orchestra del Teatro ha costituito il Quartetto d’archi della Scala compiendo tournèes negli Stati Uniti, Sudamerica, Francia, Germania, Danimarca, Lussemburgo, Giappone e nelle maggiori società concertistiche in Italia. Membro di giurie in diversi concorsi internazionali (tra cui Ginevra), è regolarmente invitato a tenere corsi in importanti istituzioni (Arts Academy a Roma, Festival delle città a Portogruaro, Gubbio festival, Accademia “T. Varga” a Sion, Accademia Perosi di Biella, Accademia di musica di Pinerolo, Sebino summercourse). Tra le varie orchestre con le quali ha collaborato da solista spiccano l’Orchestra Stabile di Bergamo ” G.Donizetti”, l’Orchestra “Accademia I Filarmonici”, L’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra Sinfonica Basca, l’Orchestra del Friuli Venezia Giulia, l’Orchestra “G. Cantelli”, la United Europe Chamber Orchestra, la Baden Badener Orchestra,l’Ensemble Petruzzelli, I Filarmonici di Torino, la Sinfonica di Lubiana,i Solisti Aquilani,i Solisti di Pavia, Extremadura Orquesta, l’Orchestra Haydn di Bolzano,la Sinfonica della Val D’Aosta, Orchestra sinfonica delle Gran Canarie, i Virtuosi italiani, La Filarmonica di Sofia, l’Orchestra Filarmonica della Scala con la quale ha interpretato con successo la kammermusik N. 5 (Concerto per viola) di P. Hindemith sotto la direzione del M. W. Sawallisch e l’Orchestra Sinfonica Cherubini con la quale ha interpretato la Sinfonia Concertante di Mozart sotto la direzione del M. R. Muti. E’ anche solista di viola d’amore; come compositore ha pubblicato diversi lavori per la casa editrice Sonzogno e MAP e sue prime assolute sono state eseguite al teatro Alla Scala e alla Philarmonie di Berlino. Suona una viola G. Gagliano (1800) della Fondazione Pro Canale Onlus di Milano.

 

 

FABRIZIO MELONI
Primo clarinetto solista dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala dal 1984, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano diplomandosi con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore. Vincitore dei concorsi internazionali di Monaco, ARD, Praga. Ha collaborato con B. Canino, A. Lonquich, M. Campanella, H. Schiff, F. Gulda, E. Gruberova, il Quartetto Hagen, M.W. Chung, P. Moll e R. Muti nella veste straordinaria di pianista. Ha tenuto tournée negli Stati Uniti e in Israele con il Quintetto a Fiati Italiano. Con il Nuovo Quintetto Italiano ha all’attivo tournée in Sud America e nel Sud Est Asiatico. La sua tournée di concerti in Giappone con P. Moll e I Solisti della Scala è stata accolta da entusiastici consensi di pubblico e critica. Ha all’attivo numerose incisioni discografiche. È stato invitato a tenere master class dal Conservatorio Superiore di Musica di Parigi, quello della Svizzera Italiana, dalla Manhattan School of Music, dalla Northeastern Illinois University di Chicago, dalla Music Academy of the West di Los Angeles e dalle Università di Tokyo e Osaka. Di prossima uscita il DVD Duets “Il clarinetto nel Jazz e nel 900 italiano”. L’incisione dei concerti di J. Françaix, C. Nielsen e A. Copland, progetto mai realizzato da un musicista italiano.
È autore del libro “Il Clarinetto”, pubblicato da Zecchini Editore. Il canale televisivo “Sky Classica“ gli ha dedicato un documentario dal titolo “Notevoli“.

Luogo:
Accademia di Musica
Data:
9 Ottobre | 21:00
Condividi evento
Corsi e Masterclass
Seguici su